Valutazione dei rischi nei luoghi di lavoro: tutte le info utili per te e la tua azienda

Affidarsi a un consulente per la sicurezza? Ecco perché un buon consulente può aiutare la tua azienda
21 Giugno 2021
GREEN PASS: il certificato per ripartire in sicurezza
25 Giugno 2021

Valutazione dei rischi nei luoghi di lavoro: tutte le info utili per te e la tua azienda

La valutazione dei rischi è la prima misura generale di tutela dei lavoratori, ma come e perché è necessario effettuarla?

In questo articolo tutte le risposte ai quesiti più diffusi sull’argomento.

Perché effettuare la valutazione dei rischi?

La valutazione dei rischi nei luoghi di lavoro è necessaria ai fini di un’attenta analisi delle possibili minacce alla salute o alla sicurezza dei lavoratori. Il fine è delineare un quadro di miglioramento delle condizioni di salute e assicurare l’integrità fisica dei propri lavoratori.

Tra i più rilevanti obiettivi di tale processo, ricordiamo:

  • l’identificazione delle fonti di rischio così da attuare misure correttive per eliminarle o ridurle;
  • la valutazione del rischio residuo;           
  • l’identificazione della priorità delle azioni da mettere in atto;
  • la dimostrazione agli organi di controllo e ai lavoratori stessi che le misure attuate sono sufficienti a salvaguardare la loro integrità.

Come effettuare un’adeguata valutazione?

Per effettuare un’adeguata valutazione, è necessario innanzitutto predisporre un’analisi delle possibilità di accadimento degli eventi indesiderati e della loro potenziale gravità. In altre parole, è necessario conoscere e comprendere i potenziali rischi per avviare le opportune misure protezione.

A questo proposito, risulta utile menzionare le misure attuabili in materia di riduzione del rischio:

  • misure di prevenzione, ossia disposizioni volte ad annullare o ridurre la frequenza di accadimento di eventi dannosi;
  • misure di protezione, ossia disposizioni volte a ridurre la magnitudo di un evento dannoso.

In questa ottica, è poi possibile operare una distinzione tra prevenzione primaria, il cui obiettivo è l’eliminazione o riduzione dei rischi alla fonte; prevenzione secondaria, volta a contenere i rischi intervenendo sulle vie di propagazione o sull’ambiente e prevenzione terziaria, il cui fine è contenere i rischi intervenendo sulla persona esposta.

Chi se ne occupa?

La valutazione dei rischi è effettuata dal datore di lavoro con la collaborazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) e del medico competente dopo aver richiesto il parere del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). Sarà dunque necessario un coordinamento tra le diverse figure al fine dell’elaborazione di un unico documento che indichi le misure adottate per eliminare o (laddove non sia possibile) ridurre i rischi presenti sul luogo di lavoro.

Il Documento di Valutazione Rischi (DVR):

I risultati della valutazione dovranno essere riportati nel Documento di Valutazione Rischi (DVR), un importante attestato che dovrà individuare:

  • un elenco di tutto ciò che è stato valutato rischioso per salute e sicurezza;
  • strumenti e criteri di prevenzione, sulla base delle valutazioni effettuate, per fornire adeguati mezzi di protezione e informazione al personale;
  • misure idonee a garantire ai lavoratori una sempre maggiore tutela dai rischi, anche mediante l’aggiornamento dei dispositivi di sicurezza.

Per svolgere tutti gli adempimenti necessari in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro, affidati ad un consulente esperto e qualificato, noi di SicurImpresa siamo a disposizione della tua azienda per aiutarla a crescere!

Contattaci in qualsiasi momento per dubbi o necessità, saremo al tuo fianco in ogni passo del processo di valutazione dei rischi.

Vuoi attivare una video consulenza gratuita? Contattaci clicca qui

Fonti:

FORMAZIONE SICURIMPRESA