Direttiva Amianto: Nuove Norme Europee in Vigore Entro il 2025

Differenze tra EMAS e la ISO 14001?
7 Febbraio 2024
Investimenti Linea Green
16 Febbraio 2024

Direttiva Amianto: Nuove Norme Europee in Vigore Entro il 2025

Una stretta senza precedenti sulla sicurezza dei lavoratori contro l’amianto è stata avviata con l’emanazione della Direttiva (UE) 2023/2668, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il 22 novembre 2023.

Questo atto legislativo, che modifica la precedente direttiva 2009/148/CE, mira a ridurre drasticamente i livelli di esposizione all’amianto attualmente tollerati entro due anni dalla sua entrata in vigore.

L’amianto, notoriamente una sostanza altamente cancerogena, rappresenta una minaccia significativa per una vasta gamma di settori, inclusi l’edilizia, le ristrutturazioni e la prevenzione degli incendi.

È responsabile di una percentuale impressionante dei casi di tumore professionale nell’Unione Europea, con il 78% dei casi correlati all’esposizione a questa pericolosa sostanza.

La Direttiva 2023/2668, operativa dal 20 dicembre 2023, mira a rafforzare la protezione dei lavoratori contro i rischi legati all’amianto, attraverso una duplice strategia.

Da un lato, prevede la riduzione dei livelli di esposizione, dall’altro promuove l’adozione di metodologie più moderne e sensibili per il monitoraggio delle fibre di amianto nell’ambiente lavorativo.

Vuoi maggiori informazioni su come gestire la direttiva in azienda? contattaci qui

Una volta recepita dagli Stati membri, il che dovrà avvenire entro il 21 dicembre 2025, la direttiva imporrà un limite obbligatorio di esposizione professionale (OEL) di 0,01 fibre per cm3 fino al 20 dicembre 2029, dieci volte più basso rispetto ai livelli attuali. Successivamente, verranno introdotte due fasce di esposizione, a seconda della tecnologia utilizzata per il monitoraggio.

A partire dal 21 dicembre 2029, il limite massimo di esposizione resterà invariato per le misurazioni effettuate tramite microscopia elettronica (EM), il metodo più avanzato e sensibile disponibile. Tuttavia, scenderà a 0,002 fibre per cm3 (ossia 1/50 del limite attuale) per le misurazioni effettuate tramite microscopia a contrasto di fase (PCM), attualmente il metodo più diffuso. Questa mossa dimostra chiaramente l’intenzione di Bruxelles di incoraggiare l’adozione di tecnologie all’avanguardia per proteggere i lavoratori.

Vuoi maggiori informazioni su come gestire la direttiva in azienda? contattaci qui

Inoltre, la nuova direttiva sottolinea l’impegno dell’Unione Europea nella lotta contro l’amianto, prevedendo una valutazione da parte della Commissione entro il 31 dicembre 2028 per ulteriori riduzioni dei valori limite di esposizione.

In sintesi, la Direttiva Amianto (UE) 2023/2668 segna un passo significativo verso una maggiore sicurezza sul lavoro e una riduzione dell’esposizione a questa pericolosa sostanza, con l’obiettivo di proteggere la salute e il benessere dei lavoratori in tutta l’Unione Europea.

Fonte: Direttiva (UE) 2023/2668 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 novembre 2023, che modifica la direttiva 2009/148/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi connessi con un’esposizione all’amianto durante il lavoro (europa.eu)