Sistemi di gestione sicurezza sul lavoro – Proroga migrazione a UNI ISO 45001:2018

COVID-19 e i protocolli condivisi nella valutazione della colpa
21 Settembre 2020
Decreto Agosto 2020 le novità e le agevolazioni previste
25 Settembre 2020

Sistemi di gestione sicurezza sul lavoro – Proroga migrazione a UNI ISO 45001:2018

Lo IAF (International Accreditation Forum) a seguito della Pandemia da Covid-19 ha emanato alcune FAQ in risposta a quesiti relativi alle certificazioni. Nello specifico ha concesso una proroga di 6 mesi, dal 21 Marzo 2011 al 20 Settembre 2021 come termine ultimo per completare la migrazione delle certificazioni accreditate sui sistemi di gestione della sicurezza dalla noma BS 18001 alla recente ISO UNI 45001: 2018.

Viene inoltre chiarito che gli audit di migrazione possono essere condotti con tecniche di audit da remoto.

E’ accertato che le Aziende con minori infortuni sul lavoro (riduzione del 27% nell’indice di frequenza e del 35% nell’indice di gravità degli infortuni) sono le Aziende che hanno una Certificazione sulla Salute e Sicurezza dei Lavoratori. Nelle aziende certificate gli infortuni calano di frequenza (-16%) e di gravità (-40%).

Chiedi una consulenza gratuita in azienda QUI

COS’E’ ISO 45001 – Sistema di Gestione per la Salute e la Sicurezza sui Luoghi di Lavoro

La norma ISO 45001 è uno standard internazionale che specifica i requisiti per l’implementazione di un Sistema di Gestione per la Salute e la Sicurezza sui luoghi di lavoro, permettendo ad ogni organizzazione di migliorare proattivamente le sue prestazioni in termini di prevenzione degli infortuni.

Chiedi una consulenza gratuita in azienda QUI

Rispondiamo ad alcune domande

Q32: Secondo ISO / IEC 17021-1: 2015, § 9.1.3.3, “Gli audit di sorveglianza devono essere condotti almeno una volta all’anno, eccetto negli anni di ricertificazione. La data del primo audit di sorveglianza successivo alla certificazione iniziale non deve essere superiore a 12 mesi dalla data della decisione di certificazione ”. Questa clausola è ancora valida? 

 Sì. Tuttavia, date le specifiche circostanze, tutti i limiti di tempo indicati nella norma devono essere riconsiderati secondo la IAF FAQ Q10 che consente il posticipo di eventuali attività di valutazione della conformità. Ciò significa che: non è necessario condurre un audit di sorveglianza almeno una volta all’anno; la data del primo audit di sorveglianza successivo a …

D31: Secondo ISO / IEC 17021-1: 2015 clausola 9.6.3.1.1, la pianificazione per la ricertificazione deve essere condotta in tempo utile per consentire il rinnovo tempestivo prima della data di scadenza del certificato. Questa clausola è ancora valida?

A31: IAF FAQ 10 consente di estendere la data di ricertificazione fino a sei mesi, il che consentirebbe di prolungare la pianificazione di conseguenza. Se questi sei mesi possono non fornire agli OdC sufficienti opportunità per concludere audit di ricertificazione, la decisione sulla ricertificazione deve essere presa entro 3 mesi dalla revoca delle restrizioni 

D30: L’emergenza pandemica è molto diversa tra le varie località del mondo. Le regole definite in questa FAQ si applicano a tutte le località soggette a restrizioni Covid-19 e fino a quando?

 Sì. Viene confermata la validità delle FAQ pubblicate sul sito www.iaffaq.com, fino a diversa comunicazione ufficiale da parte di IAF. In tutti i luoghi che non hanno restrizioni di accesso al Covid-19, l’attività come gli audit in loco devono continuare secondo le procedure usual

 

Chiedi una consulenza gratuita in azienda QUI

 

FORMAZIONE SICURIMPRESA