La Segnaletica di Sicurezza sul lavoro

Nuova gestione covid: LINEE GUIDA per attività
18 Aprile 2022
Fondo Energia – Emilia Romagna
22 Aprile 2022

La Segnaletica di Sicurezza sul lavoro

Un concetto che viene sottovalutato nelle aziende riguarda la gestione della segnaletica di sicurezza sul lavoro.

Per segnalare e avvisare del corretto uso di materiali attrezzature e prevenire il rischio, informando tutte le persone presenti, siano esse lavoratori, fornitori, clienti o visitatori.

Quali sono allora in breve gli obblighi per un datore di lavoro?

Si deve ricorrere alla segnaletica di sicurezza quando nell’ambiente di lavoro sono presenti rischi che non possono essere evitati, sufficientemente limitati con sistemi di organizzazione del lavoro o con mezzi tecnici di protezione collettiva;

Cosa deve indicare la segnaletica di sicurezza?

La segnaletica di tipo permanente e costituita da cartelli si riferisce a: 

un divieto, 

un obbligo

un avvertimento 

quella che serve a indicare l’ubicazione e a identificare i mezzi di salvataggio o di pronto soccorso.

I lavoratori devono ricevere adeguata formazione sul significato della segnaletica presente sul posto di lavoro.

Richiedi qui informazioni sulla formazione aziendale

Chi definisce la segnaletica di sicurezza?

Il datore di lavoro, o un delegato esterno come SicurImpresa, che studia la prevenzione del rischio negli spazi di lavoro e gestisce il corretto uso e impiego della segnaletica di sicurezza.

Richiedi informazioni per il corso sicurezza datore di lavoro 2022

Compito di questi soggetti è creare un programma formativo specifico sul significato della segnaletica di sicurezza impiegata all’interno delle attività produttive, in relazione ai rischi specifici residui e alle misure di prevenzione da adottare.

SicurImpresa inoltre può collaborare con l’azienda per gestire la formazione finanziata. Scopri di più QUI

Sono previste sanzioni civili o penali se non viene utilizzata la segnaletica di sicurezza sul lavoro?

Le sanzioni a carico del datore di lavoro sono legate alla gravità di non utilizzo della sicurezza aziendale e in caso di infortunio si definisce la sanzione da applicare. Se vogliamo analizzare le sanzioni in base ad una verifica ispettiva:

• arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 3.071,27 a 7.862,44 euro, per la mancata apposizione delle segnalazioni di sicurezza;

• arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da 921,38 a 4.914,03 euro per la mancata informazione e formazione al personale.

FORMAZIONE SICURIMPRESA