Verbale di controllo Green Pass
25 Ottobre 2021
Rinnovare la propria azienda con i finanziamenti industria 4.0
28 Ottobre 2021

Temporali e rischio fulminazione? Come si valuta?

La stagione autunnale o la più nota mezza stagione, negli ultimi anni, ci ha abituato a danni e disagi di notevole impatto sia a persone che strutture.

In questo articolo definiamo assieme il concetto di rischio fulminazione, come effettuare la valutazione obbligatoria del rischio da fulminazione ed il calcolo del rischio fulmini.

Rischio fulminazione: i riferimenti nel D.Lgs. n.81/08

Gli obblighi del datore di lavoro

La fulminazione è un rischio rientrante nel capo III del Titolo III del D.Lgs 81/2008 dedicato agli “Impianti e apparecchiature elettriche”.

L’articolo 80 stabilisce che tra gli obblighi del datore di lavoro rientrino anche tutte le misure per la salvaguardia dei lavoratori dai “rischi di natura elettrica connessi all’impiego dei materiali, delle apparecchiature e degli impianti elettrici messi a loro disposizione ed, in particolare, quelli derivati da (…) fulminazione diretta ed indiretta (…)”.

L’articolo 84 va ancor più nello specifico: “Il datore di lavoro provvede affinché gli edifici, gli impianti, le strutture, le attrezzature, siano protetti dagli effetti dei fulmini realizzati secondo le norme tecniche”.

Controlli sui sistemi di protezione da scariche atmosferiche devono essere sottoposti alla prima verifica e alle verifiche periodiche ai sensi del DPR 462/2001 

Fulminazione: tutti i rischi da valutare

Il rischio da valutare non è unico, ma costituito da una serie di componenti del rischio che riguardano:

  • fulminazione diretta della struttura;
  • fulminazione in prossimità della struttura;
  • fulminazione diretta di una linea connessa alla struttura; fulminazione in prossimità di una linea connessa ad una struttura.

Dalla somma di tali elementi uscirà il relativo rischio, che può essere:

  • R1: rischio di perdita di vite umane, inclusi i danni permanenti;
  • R2: rischio di perdita di servizio pubblico;
  • R3: rischio di perdita di patrimonio culturale insostituibile;
  • R4: rischio di perdita economica.

Da questa corretta valutazione possiamo definire tutti i Sistemi di protezione da scariche atmosferiche.

Impianti messa a terra e protezione fulmini Leggi di più QUI

FORMAZIONE SICURIMPRESA