Lavoro notturno: chiarimenti dal Ministero del lavoro

Riparte a Ferrara la vigilanza Ambientale contro l’ Abbandono dei rifiuti
9 Dicembre 2020
Cisterne di gasolio dal 1° gennaio 2021 obbligo della denuncia di esercizio
16 Dicembre 2020

Lavoro notturno: chiarimenti dal Ministero del lavoro

In data 26 novembre 2020 viene pubblicata dall’Ufficio Legislativo del Ministero del lavoro la nota prot. n. 12165 avente come oggetto il lavoratore notturno: definizione-chiarimenti.

Quando un lavoratore è considerato “lavoratore notturno”? Quali sono gli obblighi e le regole da rispettare? I lavoratori notturni sono soggetti a regole speciali rispetto ai lavoratori diurni? Se sì, quali? A queste e a molte altre domande ha risposto l’INAIL, con la Nota n. 1050 del 26 novembre 2020. Nel documento di prassi, infatti, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla definizione di “lavoratore notturno”, anche in riferimento all’ambito di intervento riconosciuto in materia alla contrattazione collettiva.

In particolare, in presenza di regolamentazione della contrattazione collettiva, si considera lavoratore notturno colui il quale svolga, nel periodo notturno, la parte di orario di lavoro individuato dalle disposizioni del contratto collettivo. In quest’ultimo caso, al contratto collettivo è demandata l’individuazione:

  • sia del numero delle ore giornaliere di lavoro da effettuarsi durante il periodo notturno (che potrebbe pertanto essere inferiore o superiore alle tre ore stabilite ex lege);
  • sia del numero delle giornate necessarie per rientrare nella categoria di “lavoratore notturno”.

Ma andiamo in ordine e vediamo gli ultimi chiarimenti dell’INAIL in materia di “lavoro notturno”.

Lavoro notturno: arco temporale del periodo notturno

L’art. 1, co, 2 del D.Lgs. n. 66/2003 definisce il “periodo notturno”. Trattasi, in particolare, di un periodo di almeno 7 ore consecutive comprendenti l’intervallo tra la mezzanotte e le 5:00 del mattino.

Ai fini della individuazione delle 7 ore consecutive di lavoro bisogna fare riferimento all’orario di lavoro osservato secondo le indicazioni del contratto collettivo e del contratto individuale. In particolare, secondo l’art. 1, co. 2 del D.Lgs n. 66/2003 il periodo potrà iniziare a decorrere:

  • dalle ore 22:00 (con conclusione alle ore 5:00);
  • dalle ore 23:00 (con conclusione alle ore 6:00);
  • dalla mezzanotte (con conclusione alle ore 7:00).

Lavoro notturno: campo di applicazione

In difetto di disciplina collettiva è considerato “lavoratore notturno

  • è considerato lavoratore notturno colui che è tenuto contrattualmente e quindi stabilmente a svolgere 3 ore del suo tempo di lavoro giornaliero nel periodo notturno;
  • in assenza di disciplina collettiva, si considera lavoratore notturno colui il quale svolga almeno tre ore del suo tempo di lavoro giornaliero durante il periodo notturno per almeno ottanta giorni lavorativi all’anno;
  • in presenza di regolamentazione della contrattazione collettiva, si considera lavoratore notturno colui il quale svolga, nel periodo notturno, la parte di orario di lavoro individuato dalle disposizioni del contratto collettivo.  *In quest’ultimo caso, al contratto collettivo è demandata l’individuazione:sia del numero delle ore giornaliere di lavoro da effettuarsi durante il periodo notturno (che potrebbe pertanto essere inferiore o superiore alle tre ore stabilite ex lege);sia il numero delle giornate necessarie per rientrare nella categoria di “lavoratore notturno”.

Lavoro notturno: obblighi di comunicazione

Si ricorda, al riguardo, che l’introduzione del lavoro notturno deve essere preceduta, secondo i criteri e con le modalità previsti dai contratti collettivi:

  • dalla consultazione delle rappresentanze sindacali in azienda, se costituite, aderenti alle organizzazioni firmatarie del contratto collettivo applicato dall’impresa;
  • dalla consultazione con le organizzazioni territoriali dei lavoratori come sopra definite per il tramite dell’associazione cui l’azienda aderisca o conferisca mandato. La consultazione va effettuata e conclusa entro un periodo di 7 giorni.
  • Il datore di lavoro, inoltre, ha l’obbligo di informare per iscritto l’ITL, con periodicità annuale, della esecuzione di lavoro notturno svolto in modo continuativo o compreso in regolari turni periodici, salvo che esso sia disposto dal contratto collettivo.

Lavoro notturno: limitazioni

Si rammenta, altresì, che esistono delle limitazioni al “lavoro notturno”. Infatti, l’inidoneità al lavoro notturno deve essere precedentemente accertata attraverso le competenti strutture sanitarie pubbliche. Inoltre, i contratti collettivi stabiliscono i requisiti dei lavoratori che possono essere esclusi dall’obbligo di effettuare lavoro notturno.

Scarica il testo sulla sicurezza aggiornato qui

Non trovi il corso adatto a te?

Vuoi informazione per capire come gestire la tua formazione o il tuo aggiornamento in sicurezza sul lavoro? contattaci e un Tutor ti darà subito le informazioni di cui hai bisogno.

Per sapere quando scade il tuo corso legato alla sicurezza sul lavoro clicca qui verificheremo assieme il tuo attestato.

Formati in videoconferenza con SicurImpresa

FORMAZIONE SICURIMPRESA