Aumento Sanzioni in Caso di Lavoro in Nero
Aumento Sanzioni in Caso di Lavoro in Nero: Il Nuovo Decreto Legge n. 19/2024
25 Marzo 2024
Decreto Energia
Decreto Energia: Impatto sulle Fonti Rinnovabili e sugli Energy Releases
2 Aprile 2024

Gli eventi racconta, oggi tratta di un’ infortunio del socio lavoratore addetto all’abbattimento degli alberi, avvenuto in mancanza di formazione e omissioni nel DVR: la responsabilità ricade sul Presidente della società cooperativa.

Richiedi informazioni specifiche per il tuo settore

In questo caso la cassazione penale Sez. 4, 01 ottobre 2020, n. 27242, analizza l’evento di infortunio grave avvenuto e la responsabilità del legale rappresentante di società cooperativa per l’infortunio del socio lavoratore.

VALUTAZIONE CORTE DI CASSAZIONE:

La Corte di Cassazione, ha confermato la condanna del presidente della cooperativa per l’infortunio grave.

La sentenza basata sull’accertamento della colpa per negligenza, imprudenza ed imperizia, nonché per la violazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro. Le omissioni incluse:

  • Mancata indicazione delle misure di prevenzione e protezione nel DVR per la mansione di operaio addetto all’abbattimento di piante.
  • Mancata individuazione delle procedure nel DVR per l’attuazione delle misure di prevenzione e protezione relative all’abbattimento di piante.
  • Mancata fornitura di informazioni e formazione adeguata al lavoratore riguardo ai rischi e alle procedure relative alla mansione di operaio addetto all’abbattimento di piante.

COSA CONSIGLIAMO

Alle aziende cooperative con soci lavoratori consigliamo quanto segue:

  1. Formazione Adeguata: Assicurarsi che tutti i soci lavoratori ricevano una formazione adeguata riguardo ai rischi specifici legati alle loro mansioni.
  2. Valutazione dei Rischi DVR: Effettuare una valutazione completa dei rischi sul posto di lavoro e redigere un Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) accurato. È importante identificare i potenziali pericoli e implementare misure di prevenzione e protezione adeguate. Richiedi informazioni
  3. Monitoraggio Costante: Monitorare costantemente le condizioni di sicurezza sul luogo di lavoro e effettuare regolari ispezioni per identificare e correggere eventuali problemi o violazioni delle normative.
  4. Coinvolgimento dei Lavoratori: Coinvolgere attivamente i soci lavoratori nel processo di gestione della sicurezza sul lavoro. Ascoltare le loro preoccupazioni e suggerimenti e incoraggiarli a segnalare tempestivamente eventuali rischi o problemi.
  5. Aggiornamento Normativo: Mantenersi costantemente aggiornati sulle normative e le disposizioni legali riguardanti la sicurezza sul lavoro e assicurarsi di essere conformi a tutte le leggi e i regolamenti applicabili.
  6. ISO 45001 – Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro: Integrare ISO 45001 aiuta a identificare e gestire i rischi per la salute e la sicurezza sul posto di lavoro in modo sistematico. Sistema di Gestione per tutelare gli infortuni
  7. ISO 9001 – Sistema di Gestione della Qualità: mira a migliorare la soddisfazione del cliente, la conformità normativa e l’efficienza operativa. Integrare ISO 9001 può contribuire a garantire che i processi aziendali siano ben definiti e controllati, inclusi quelli legati alla sicurezza sul lavoro. Certificazione ISO 9001: perché attivarla in azienda?

Se hai dubbi o incertezze riguardo alla gestione dei rischi in azienda, ti invitiamo a consultare il nostro sportello gratuito sulla sicurezza sul lavoro. Un tecnico specializzato sarà in grado di aiutarti a comprendere come affrontare i rischi in azienda, evitando situazioni irreparabili legate agli infortuni dei tuoi collaboratori.

Cassazione qui OLYMPUS