CONAI – Breve guida alla gestione del CAC e alle novità 2021

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO PER IL CONTENIMENTO DEL COVID-19 NEGLI AMBIENTI DI LAVORO
14 Maggio 2021
BANDO INAIL 2020: Presentazione domande dal 1° giugno al 15 luglio
19 Maggio 2021

CONAI – Breve guida alla gestione del CAC e alle novità 2021

La gestione del CAC (Contributo Ambientale Conai) può essere complessa senza il supporto di un esperto. In questo articolo riassumiamo per voi le informazioni più importanti.

PRODUTTORI E UTILIZZATORI

Al CONAI devono partecipare i produttori e gli utilizzatori di imballaggi, responsabili della corretta gestione ambientale degli stessi e dei rifiuti di imballaggio generati dal consumo dei propri prodotti (art. 221 del D.Lgs. 152/06).

  • Per produttori si intendono: produttori e importatori di materie prime destinate a imballaggi; produttori-trasformatori e importatori di semilavorati destinati a imballaggi; produttori di imballaggi vuoti; importatori-rivenditori di imballaggi vuoti.
  • Per utilizzatori si intendono: acquirenti-riempitori di imballaggi vuoti; importatori di “imballaggi pieni” (cioè merci imballate); autoproduttori (producono imballaggi per confezionare le proprie merci); commercianti di imballaggi pieni (acquirenti-rivenditori di merci imballate); commercianti di imballaggi vuoti (acquistano in Italia e rivendono gli imballaggi senza effettuare alcuna trasformazione).

IL CAC – Contributo Ambientale Conai

Il CAC è stabilito da CONAI ed è versato dalle aziende. Serve principalmente per far fronte agli oneri della raccolta differenziata, organizzata dai Comuni, e per le attività di recupero, riciclo e valorizzazione dei rifiuti d’imballaggio.

Il prelievo del Contributo avviene all’atto della “prima cessione”, cioè al momento del trasferimento (anche temporaneo e a qualunque titolo) all’interno territorio nazionale, dell’imballaggio finito, effettuato dall’ultimo produttore o commerciante di imballaggi vuoti al primo utilizzatore.

I soggetti tenuti al versamento del Contributo sono coloro che per primi immettono l’imballaggio finito nel mercato nazionale. Dunque: produttori/importatori di imballaggi vuoti; importatori di merci imballate e commercianti di imballaggi vuoti.

PRINCIPALI NOVITÀ 2021

  • Aggiornamento testi e modulistica, con riferimento agli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile certificati e conformi alle norme europee armonizzate UNI EN 13432:2002 e/o UNI EN 14995:2007 da parte di organismi accreditati. Ciò in funzione dell’ingresso del settimo consorzio di filiera BIOREPACK nel sistema CONAI;
  • Variazioni d’importi e contributi per materiale (consultabili su www.conai.org);
  • Modulo di autodichiarazione 6.11 per l’esclusione dal contributo ambientale sugli imballaggi riutilizzabili impiegati nell’ambito di un ciclo produttivo o rete commerciale (si veda circolare CONAI del 5.4.2012, lett. a);
  • Obbligo di utilizzo del servizio Adesione Online sia per l’adesione al CONAI sia per le successive variazioni anagrafiche;
  • Nuovi provvedimenti giurisprudenziali in merito alla natura d’imballaggio/non imballaggio di alcuni articoli in polietilene;
  • Diversificazione contributiva per gli imballaggi in carta con chiusura della fase sperimentale che prevede una nuova modulistica dichiarativa per gli imballaggi poliaccoppiati a prevalenza carta, diversi da quelli idonei al contenimento di liquidi, a valori invariati di Contributo ambientale;
  • Variazioni per le procedure semplificate e introduzione di semplificazioni e agevolazioni per particolari flussi di imballaggi. In particolare, nuova modalità semplificata di esposizione del Contributo ambientale in fattura, in alternativa a quella ordinaria, per alcuni imballaggi di piccole dimensioni;
  • Procedure di regolarizzazione agevolata delle imprese operanti nei settori dei pallet in legno usati, riparati o selezionati e reimmessi al consumo, e del filo cotto nero (di acciaio) per il confezionamento merci.

Il sito CONAI e la Guida al Contributo, in esso contenuta, sono un valido aiuto ma spesso, per impostare o ridefinire come ci si deve comportare nel caso concreto, può essere necessario il supporto di consulenti esperti.

SicurImpresa è al tuo fianco in ogni momento per chiarire ogni dubbio e per la relativa assistenza.

Contattaci al: 📞 0532898120 – 📩 info@sicurimpresa.it

Guida CONAI: CLICCA QUI

FORMAZIONE SICURIMPRESA