Addetto al primo soccorso: cosa succede se si è mancato l’aggiornamento ?

Macchinari difettosi a lavoro: Quando il datore di lavoro non risponde dell’infortunio?
10 Novembre 2019
Formazione Preposti e Lavoratori tutti gli Obblighi di Formazione
19 Novembre 2019

Addetto al primo soccorso: cosa succede se si è mancato l’aggiornamento ?

Perché l’Aggiornamento al primo soccorso è importante? e soprattutto cosa succede se si è mancato l’aggiornamento obbligatorio dopo 3 anni dal corso formativo base? 

La sicurezza sul lavoro è d’obbligo: lo sa bene il datore di lavoro che deve avere sott’occhio tutte le scadenze degli obblighi formativi per sé e dei suoi dipendenti.

Tra i tanti corsi di aggiornamento al primo soccorso per la sicurezza in azienda, occorre porre particolare attenzione anche a quello dei lavoratori designati come addetti al primo soccorso, l’aggiornamento è da svolgere ogni tre anni

Se non aggiornato la nomina sarebbe ancora valida? Quali le conseguenze di un mancato aggiornamento? L’addetto al primo soccorso deve eventualmente ripetere di nuovo il corso di prima formazione?

IN PARTENZA Il CORSO DI AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO scrivi a formazione@sicurimpresa.it

Requisiti dell’addetto al primo soccorso 

La prima formazione base e l’aggiornamento sono requisiti necessari per lo svolgimento dell’incarico di addetto al primo soccorso. Il datore di lavoro è tenuto a vigilare sul possesso del requisito dell’aggiornamento della formazione di tali figure, in quanto è essenziale per assicurare all’azienda un’organizzazione efficace in caso di emergenza come richiesto dal D.lgs n.81/2008. 

Il Dm 388/2003 prevede l’obbligo di un percorso formativo in tre moduli di cui solo l’ultimo, finalizzato ad acquisire capacità di intervento pratico, è sottoposto all’obbligo dell’aggiornamento al primo soccorso triennale di almeno 6 ore per le aziende del gruppo “A” e di almeno 4 ore per quelle dei gruppi “B” e “C”. Questo provvedimento ha evidenti analogie con quello relativo alla formazione e all’aggiornamento degli Rspp e Aspp previsto nell’Accordo Stato Regioni del 7 luglio 2016. Qui si specifica che anche la funzione di addetto al primo soccorso “deve ritenersi non esercitabile se non viene completato l’aggiornamento riferito al periodo indicato dalle specifiche norme“.Il mancato aggiornamento al primo soccorso entro il termine di tre anni dell’addetto al primo soccorso non determina dunque l’obbligo di ripetere l’intero corso di prima formazione, ma la sospensione dal compito fino a quando lo stesso addetto non frequenti e completi il corso di aggiornamento previsto dal Dm 388/2003.In pratica il lavoratore addetto al primo soccorso non può svolgere le funzioni attribuite fino a che non si aggiorna per la parte pratica. Secondo quanto previsto dall’Accordo Stato Regioni del 2016, l’aggiornamento al primo soccorso dovrà essere assolto in aula (e non con modalità e-learning) e tenuto da un medico formatore e personale specializzato.Per il mancato aggiornamento al primo soccorso dalla formazione dell’addetto comporta per il datore di lavoro la sanzione dell’arresto da due a quattro mesi o dell’ammenda da 1.315,20 a 5.699,20 euro (l’ammenda raddoppia se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori e triplica se si riferisce a più di dieci lavoratori). Resta l’applicazione dei benefici della prescrizione obbligatoria in caso di regolarizzazione dell’illecito.

FORMAZIONE SICURIMPRESA