Test Sicurezza Sul Lavoro
18 Maggio 2022
Revisione dei patentini gas tossici rilasciati nel 2017
20 Maggio 2022

Formazione 4.0

Il Decreto Aiuti, ha come obiettivo, tra gli altri, quello di migliorare la trasformazione delle PMI; ha introdotto un’importante novità in fatto di formazione 4.0 per le imprese, aumentando il credito d’imposta per l’anno 2022.

Le aliquote

La misura già menzionata nell’articolo https://www.sicurimpresa.it/finanz-imprese/credito-dimposta-formazione-2022/ 

Prevede che il credito d’imposta sulle spese relative al personale dipendente impegnato nelle attività di formazione 4.0 previste limitatamente al costo aziendale riferito alle ore o alle giornate di formazione, è ammesso nelle seguenti misure:

  • 50 per cento, nel limite massimo annuale di 300.000 euro, per le piccole imprese;
  • 40 per cento, nel limite massimo annuale di 250.000 euro, per le medie imprese;
  • 30 per cento, nel limite massimo annuale di 250.000 euro, per le grandi imprese.

È previsto un aumento del 60 per cento qualora i destinatari delle attività di formazione rientrino nelle categorie dei lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati (ai sensi delle definizioni contenute nel Decreto del Ministro del Lavoro del 17 ottobre 2017). 

I requisiti

Il Decreto Aiuti prevede che gli incrementi del credito d’imposta siano ammessi a condizione che:

a) le attività formative siano  erogate dai soggetti individuati con apposito Decreto del Mise, da adottare entro 30 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Aiuti;

b) i risultati relativi all’acquisizione o al consolidamento delle competenze siano certificati secondo le modalità stabilite con il medesimo Decreto.

Nell’ipotesi in cui le attività di formazione vengano avviate successivamente all’entrata in vigore della formazione e quindi non soddisfi i requisiti necessari per la maggiorazione delle aliquote, il credito d’imposta spettante sarà ridimensionato come segue:

  1. 40% (in luogo dell’attuale 50%) entro un massimale di credito di 300.000 euro per le piccole imprese;
  2. 35% (in luogo dell’attuale 40%) entro un massimale di credito di 250.000 euro per le medie imprese;
  3. 30% (invariata) entro un massimale di credito di 250.000 euro per le grandi imprese.

Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci qui

    FORMAZIONE SICURIMPRESA